Progenitori Tissutali – Metodo Rigenera®

Rigenera è il metodo più rapido, sicuro e standardizzato per ottenere micro-innesti tissutali immediatamente utilizzabili in ambito clinico per la rigenerazione dei tessuti umani danneggiati o degenerati da malattie o traumi.

La procedura di disgregazione del tessuto autologo è asettica, viene eseguita in sala operatoria in unico tempo chirurgico e l’impianto avviene nello stesso paziente (donatore e ricevente sono la stessa persona) utilizzando un macchinario dotato di marcatura CE e regolarmente immesso in commercio.

Il sistema consta di due componenti: MOTORE CHIRURGICO (o RIGENERA MACHINE) e RIGENERACONS (dispositivo medico di classe I, sterile e monopaziente con certificazione CE e FDA).

Il tessuto prelevato viene posizionato all’interno del Rigeneracons e disgregato tramite un microbisturi rotante a 80 rpm, utilizzando una forza tangenziale e non incidente che non lede la vitalità degli innesti. Durante la disgregazione avviene contestualmente anche la filtrazione in modo tale da selezionare micro-innesti di dimensioni uguali o inferiori ai 50 micron. Tale dimensione mantiene integra la matrice extracellulare, importante nella riduzione dei processi infiammatori e di supporto nella rigenerazione dei tessuti.

Razionale

Il sistema si basa sull’evidenza che in ogni tessuto differenziato è presente una popolazione di progenitori (con dimensione inferiori rispetto alle cellule differenziate, maggiore complessità citoplasmatica e maggiore espressione di marcatori staminali) il cui compito è quello di mantenere l’equilibrio e l’omeostasi del tessuti.

La metodica sfruttando le caratteristiche dimensionali delle cellule permette di arricchire il sito chirurgico con cellule progenitrici, nello specifico da campioni di 2 mm di spessore di tessuto si può ottenere una sospensione cellulare contenente fino a 85000 micro-innesti vitali.

Importante
Locoregionalità: rispettare l’omologia tissutale è fondamentale per il funzionamento della procedura (prelevo cute se mi serve cute, osso se mi serve osso, mucosa se mi serve mucosa).
Contemporaneità: il prelievo deve essere quanto più vicino all’innesto per evitare la diminuzione della vitalità degli innesti e l’eventuale contaminazione da parte di agenti esterni.

Rapporto COSTI/BENEFICI:

Il sistema Rigenera consente di ottenere in tempi brevissimi ed in modo totalmente automatico un tessuto umano disgregato attraverso un processo mininvasivo; la velocità di processazione del sistema Rigenera consente l’utilizzo autologo ed intraoperatorio del tessuto umano processato
E’ evidente che l’automazione del sistema garantisce una riproducibilità del risultato finale che non dipende dall’operatore.

– DRG collegati all’uso del dispositivo medico: 263-264
– codice procedura: 8660
– rispetto alle tecnologie disponibili per il processo assistenziale descritto il dispositivo medico proposto:
– è un’innovazione tecnologica sistema di micro-innesti autologhi mini-invasiva
– sostituisce un dispositivo medico: sostituisce o integra la VAC therapy e/o le medicazioni avanzate

Vantaggi

-mininvasività
-processo interamente autologo
-omologia tissutale
-standardizzazione della procedura
-semplicità d’utilizzo
-velocità della procedura
-utilizzabile sia in sala operatoria che in ambulatorio
-altissima vitalità cellulare all’interno dell’innesto

Campi di utilizzo
Utile in tutti i campi ove sia necessario rigenerare tessuti danneggiati sia molli che duri (cute, osso, mucose), attraverso l’uso di microinnesti, ad esempio:
-clinica odontostomatologica
-clinica ortopedica
-flebologia
-vulnologia
-cardiochirurgia
-estetica, plastica e dermatologia

BIBLIOGRAFIA

Trovato, Letizia, et al. “A New Medical Device Rigeneracons Allows to Obtain Viable Micro‐Grafts From Mechanical Disaggregation of Human Tissues.” Journal of cellular physiology 230.10 (2015): 2299-2303.
Laino, Gregorio, et al. “A new population of human adult dental pulp stem cells: a useful source of living autologous fibrous bone tissue (LAB).” Journal of bone and mineral research 20.8 (2005): 1394-1402.
Monti, Manuela, et al. “In Vitro and In Vivo Differentiation of Progenitor Stem Cells Obtained After Mechanical Digestion of Human Dental Pulp.” Journal of cellular physiology 232.3 (2017): 548-555.
Giaccone, M., et al. “A new medical device, based on Rigenera protocol, in the management of complex wounds. J Stem Cells Res.” Rev Rep 1.3 (2014): 3.
Zanzottera, Federica, et al. “Adipose derived stem cells and growth factors applied on hair transplantation. Follow-up of clinical outcome.” Journal of Cosmetics, Dermatological Sciences and Applications 2014 (2014).
De Francesco, Francesco, et al. “A Regenerative Approach with Dermal Micrografts in the Treatment of Chronic Ulcers.” Stem Cell Reviews and Reports (2016): 1-10.
Baglioni, Elisabetta, et al. “Treatment of oncological post-surgical wound dehiscence with autologous skin micrografts.” Anticancer research 36.3 (2016): 975-979.
Purpura, Valeria, et al. “Tissue characterization after a new disaggregation method for skin micro-grafts generation.” JoVE (Journal of Visualized Experiments) 109 (2016): e53579-e53579.
Svolacchia, Fabiano, et al. “An innovative regenerative treatment of scars with dermal micrografts.” Journal of cosmetic dermatology (2016).